Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza

10/06/2014

Si è concluso con successo l'incontro di Alti Formaggi con pane e pizza che ha visto la partecipazione di Vincenzo Mascio, specialista nel settore della panificazione e pasticceria, che ha tenuto una vera e propria lezione di cucina per utilizzare al meglio il Provolone Valpadana D.O.P., il Taleggio D.O.P. e il Salva Cremasco D.O.P. nella realizzazione di pane, focacce e pizza.
"C’è profumo di pane a La Casa di Alti Formaggi, pane e pizze speciali che si arricchiscono del gusto e salumi dei prodotti di origine protetta.

Questa sera abbiamo preparato dei bastoncini al formaggio e precisamente al Piave D.O.P., che è un formaggio che ha un certo punto di fusione, che all’interno di questi bastoncini, creerà una sorta di buco all’interno del pane, dando un po’ l’idea del Gruviere, e questo è uno dei prodotti.
Poi proponiamo un altro bastoncino allo Speck Alto Adige IGP abbinato al Provolone Valpadana D.O.P..
Poi proponiamo una focaccia farcita al Taleggio D.O.P. molto delicata, molto particolare, sono sicuro che riscontrerà i gusti di molte persone, poi una pizza insolita perché è la classica pizza rivisitata con il Salva Cremasco D.O.P. che dona alla pizza un gusto delicato e intrigante perché è un formaggio che non si scioglie completamente.


Vincenzo Mascio maestro nell’Arte Bianca, ha fatto gustare la fragranza del pane trasformato nel più appetitoso degli snacks e la bontà della focaccia farcita e della pizza fumante, ma solo dopo aver mostrato, sotto lo sguardo attento del pubblico, le fasi più salienti della preparazione.

Il pubblico di Alti Formaggi non perde occasione di dire la sua in sala come nella cucina di casa:

Qui ho potuto vedere proprio quella materia prima, cioè il formaggio, applicato nelle varie ricette riuscitissime, c’è sia la parte interessante della spiegazione che anche a casa la parte pratica che viene sempre bene.


Si è scoperto una maniera diversa di usare i formaggi Taleggio, Salva Cremona e Provolone Valpadana, non mangiandoli semplicemente così, ma abbinandoli ai piatti in cucina presentati da vari cuochi che in sono alternati in questa cucina.
Noto che c’è un livello di conoscenza da parte di chi li tiene e di partecipazione da parte del pubblico veramente interessante.


La soddisfazione è generale, mentre la stagione volge al termine, il bilancio è più che positivo.
E' certamente, ma non sono io a dirlo, il pubblico che ha partecipato a questa iniziativa che ha raccolto mano a mano e sempre più un interesse costante e in crescita, tra l’altro abbiamo allo studio altre iniziative proprio sollecitate da coloro che partecipano ai nostri incontri.”


Intervista al Dottor Vittorio Emanuele Pisani, Segretario dell’Associazione Alti Formaggi:

"Tanti incontri in questa stagione 2013-2014 un denominatore comune il prodotto di eccellenze e di alta qualità è soddisfatto degli obiettivi raggiunti?
E’ certamente, ma non sono io a dirlo, il pubblico che ha partecipato a questa iniziativa che ha raccolto mano a mano e sempre più un interesse costante e in crescita, tra l’altro abbiamo allo studio altre iniziative proprio sollecitate da coloro che partecipano ai nostri incontri.


Ci si prepara dunque a settembre, promette bene la prossima annata alla Casa di Alti Formaggi?
Secondo me, sarà nuova, perché stiamo studiando dei nuovi contenuti, ci saranno delle particolarità e siamo già molto proiettati verso Expo 2015, quindi ci saranno sicuramente delle novità, già oggi abbiamo iniziato con un abbinamento un po’ sui generis, perché abbiamo mescolato i nostri prodotti con la panetteria, cosa usualmente non tradizionale."




Intervista a Vincenzo Mascio, maestro panificatore ospite protagonista dell'evento dedicato a pane e pizza con i formaggi D.O.P.:

"Lei è un esperto nell’arte della panificazione, quanti tipi di pane ha inventato fino ad oggi? Parecchi, sicuramente parecchi, anche perché la ricerca è sempre stata quella di dare qualcosa di diverso, che mi ha portato a sviluppare una serie importante di tipologia di pane.

Molti esempi gustosi, ce li ha portati anche questa sera, quali sono gli abbinamenti scelti per i prodotti della casa di Alti Formaggi?
“Questa sera abbiamo preparato dei bastoncini al formaggio e precisamente al Piave D.O.P., che è un formaggio che ha un certo punto di fusione, che all’interno di questi bastoncini, creerà una sorta di buco all’interno del pane, dando un po’ l’idea del Gruviere, e questo è uno dei prodotti, poi proponiamo un altro bastoncino allo Speck Alto Adige IGP abbinato al Provolone Valpadana D.O.P..
Poi proponiamo una focaccia farcita al Taleggio DOP molto delicata, molto particolare, sono sicuro che riscontrerà i gusti di molte persone, poi una pizza insolita perché è la classica pizza rivisitata con il Salva Cremasco D.O.P. che dona alla pizza un gusto delicato e intrigante perché è un formaggio che non si scioglie completamente.”
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Il prossimo 10 Giugno - alle ore 18.00 - presso La Casa di Alti Formaggi, spazio appositamente allestito a Treviglio (BG) -  Via Roggia Vignola, 9, si terrà un incontro con Vincenzo Mascio, uno specialista nel settore panificazione e pasticceria.
L’incontro avrà come titolo: Gli ALTI FORMAGGI incontrano Pane e Pizza.

Vincenzo Mascio, protagonista dell’ ”Arte Bianca”, con passione, impegno ed attenzione al dettaglio, illustrerà agli ospiti come poter utilizzare in cucina il Provolone Valpadana DOP, il Taleggio DOP e il Salva Cremasco DOP, in tre gustose e fantastiche ricette a base di pane e pizza!

“Il Pane e la Pizza sono, in Italia, tra i prodotti più consumati. Alti Formaggi ha voluto organizzare questo evento per confermarne notorietà e vasto utilizzo. Per questo motivo abbiamo scelto di associare a queste due preparazioni i nostri formaggi DOP, per esaltarne al meglio le caratteristiche, certi che l’apprezzamento, per questi prodotti sarà molto elevato” – ha dichiarato il Presidente Bonaventi Gianluigi.

L’ingresso è gratuito, previa iscrizione obbligatoria.
Di seguito proponiamo le ricette delle preparazioni realizzate da Vincenzo Mascio, uno specialista nel settore panificazione e pasticceria.

Bastoncini al Piave Mezzano DOP oppure Provolone Valpadana DOP dolce e Speck Alto Adige IGP

Difficoltà: facile

Ingredienti per 30 bastoncini da 150 gr
Ingredienti per ricetta base:
- 1kg di semola rimacinata di grano duro
- 500 gr di farina 00
- 35 gr di lievito
- 45 gr di olio extra vergine d'oliva
- 30 gr sale
- 850 gr acqua fredda

Varianti:
- 1,5 kg Piave Mezzano DOP

Oppure
- 525 gr di Provolone Valpadana DOP dolce
- 525 gr Speck Alto Adige IGP

Mescolare insieme tutti gli ingredienti della ricetta base, 10 minuti nell’impastatrice oppure a mano, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Tagliare a cubetti di circa 0.5 cm il Piave Mezzano DOP oppure il Provolone Valpadana DOP dolce e lo Speck Alto Adige IGP ed integrarli nell’impasto precedentemente impastato.
Appiattire in una teglia l’impasto, avvolgerlo nella pellicola e farlo lievitare 40-50 minuti a seconda della temperatura ambiente. Una volta lievitato stendere l’impasto a forma di rettangolo e ricavarne delle striscioline di 2.5 cm di larghezza e 18 cm di lunghezza.
Sistemare della carta da forno sulla placca, adagiarvi i bastoncini e farli lievitare fino al loro raddoppio.
Per avere un’apparenza glassata e aiutare la lievitazione, aumentare l’umidità del forno aiutandosi con uno spruzzino da usare direttamente sul prodotto. Cuocere in forno ventilato a 185°C per 22 minuti.
 
Focaccia chiusa al Taleggio DOP

Difficoltà: facile

Ingredienti per 4 teglie da 40x30
Ingredienti per ricetta base:
- 1kg di semola rimacinata di grano duro
- 500 gr di farina 00
- 35 gr di lievito
- 45 gr olio extra vergine d’oliva
- 30 gr sale
- 850 gr acqua fredda
- 350 gr Taleggio DOP
- olio per ungere la teglia

Mescolare insieme tutti gli ingredienti della ricetta base, 10 minuti nell’impastatrice oppure a mano, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Lasciare riposare l’impasto in un contenitore infarinato finché raddoppia di volume, circa 40 minuti.
Una volta lievitato, dividere l’impasto in pezzi da 500 gr in base al numero di teglie e stenderli, a forma di rettangoli (il peso della pasta varia in virtù di quanto alta si vuole la pizza e della capacità del forno) e posizionarli sulle placche da forno precedentemente unte.
Ungere spennellando le superfici degli impasti con acqua e olio, poi, con le dita, formare tante piccole fossette per renderlo più lucido, soffice e conferirgli sapore e lasciare riposare per circa 30 minuti.
Tagliare a fettine sottili il Taleggio DOP e posizionarle spezzettate sulla metà delle placche da forno. Prendere gli impasti delle placche senza Taleggio DOP e ribaltarle sulle prime in modo da chiudere la focaccia.
Per avere un’apparenza glassata e aiutare la lievitazione, aumentare l’umidità del forno aiutandosi con uno spruzzino da usare direttamente sul prodotto.
Cuocere in forno ventilato a 185°C per 25 minuti. Tolte dal forno spennellarle di olio e aggiungere un pizzico di sale e servire!
 
Pizza al Salva Cremasco DOP

Difficoltà: facile

Ingredienti per 4 teglie da 40x30
Ingredienti ricetta base:
- 1kg di semola rimacinata di grano duro
- 500 gr di farina 00
- 35 gr di lievito
- 45 gr olio extra vergine d’oliva
- 30 gr sale
- 850 gr acqua fredda
- 300 gr Salva Cremasco DOP stagionato
- olio per ungere la teglia
- 1 kg di polpa di pomodoro
- 10 gr di sale

Mescolare insieme tutti gli ingredienti della ricetta base, 10 minuti nell’impastatrice oppure a mano, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciare riposare l’impasto in un contenitore infarinato finché raddoppia di volume, circa 40 minuti.
Una volta lievitato, stendere l’impasto nelle placche da forno precedentemente unte. Distribuire sulle superfici delle pizze il pomodoro, il sale e con l’aiuto della punta del cucchiaio forarne la base soprattutto sui bordi, per non farle gonfiare e per far penetrare il pomodoro. Lasciare riposare per circa 30 minuti. Una volta lievitato cuocere in forno a 185 °C per 12 minuti. Intanto grattugiare il Salva Cremasco DOP e, una volta terminata la cottura, cospargerlo sulla pizza e far cuocere alla stessa temperatura per 5-6 minuti.
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Gli Alti Formaggi incontrano pane e pizza
Condividi su: facebook share twitter share google+ share pinterest share

I nostri Amici

Vincenzo Mascio
Vincenzo Mascio

Vincenzo Mascio è specialista nel settore panificazione e pasticceria e propone molte idee su come utilizzare i formaggi D.O.P. nella preparazione di pane, pizze e focacce. Vincenzo ha fornito i propri consigli e insegnamenti agli ospiti della Casa di Alti Formaggi per realizzare in casa focacce e pizza con i formaggi italiani D.O.P.

altre ricette consigliate

Pizza senza glutine ai 4 formaggi di Gabriele Bonci
Pizza senza glutine ai 4 formaggi di Gabriele Bonci

Pizza che passione! anche per gli intolleranti al glutine una pizza gustosa e soprattutto senza glutine arricchita da formaggi italiani D.O.P. buoni e genuini

Omeganet - Internet Partner