La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo

22/11/2016

L'evento ha suscitato vivo interesse e partecipazione. Le preparazioni culinarie proposte dallo chef Nicola Locatelli hanno piacevolmente stupito i partecipanti, interessati sia ad approfondire le tematiche legate all'alimentazione nel Risorgimento sia le ricette rielaborate dallo chef. Interessante il racconto fatto da Lapo De Carlo, giornalista e conduttore radiofonico.
Che cosa si portava in tavola durante il Risorgimento? spaghetti alla carbonara? troppo facile! sentiamo allora che cosa ci racconta Lapo De Carlo invitato a parlare sull’argomento alla casa di Alti Formaggi.
È un argomento che abbraccia almeno 70 anni di storia o forse 80 e che riguarda Risorgimento, un periodo storico che per gli italiani rappresenta il punto di svolta per quello che poi è l’unità d’Italia che però aveva temporaneamente dimenticato quello che era l’aspetto gastronomico. Eravamo un Paese effettivamente che non aveva una tradizione culinaria particolarmente florida e ovviamente c’era una differenza nettissima tra ciò che veniva messo in tavola tra una parte d’Italia più ricca e quella chiaramente più povera che rappresentava la maggioranza. Oggi andremo ad analizzare un po' quello che è stato il percorso gastronomico proprio a partire da quegli anni diciamo intorno alla metà del 1800 e in modo particolare con l’uscita di un libro che ha dato secondo me il punto di svolta: mi riferisco a Uberti, di quello che poi è stata la cucina attuale italiana.
La prima proposta dello Chef è una delizia perfetta per aprire una cena in una casa borghese dell’epoca.
Il primo piatto che facciamo a questa sera è una crema cotta con Provolone Valpadana D.O.P. piccante, castagne e tartufo nero di Norcia.
È una crema cotta, con una consistenza come se fosse un crème caramel, dove però non c'è presenza di zucchero. Ci sono solo uova, panna e Provolone Valpadana D.O.P. piccante; viene cotto in queste vasi ermetici in forno una decina di minuti a 180° gradi e poi vedrete che avrà una consistenza particolare anche in bocca perché la forma ricorderà il crème caramel però in bocca è molto più cremoso.
Il secondo piatto è un omaggio a Milano così centrale nel percorso verso unità d’Italia.
Secondo voi come veniva fatto il risotto alla milanese all’epoca? Giallo, lucido e fumante.
E qui lo interpretiamo con l’uso delle spezie quindi dello zafferano in pistilli e una spuma di Taleggio D.O.P.
Ma non ci siamo dimenticati la pasta?
La pasta non era poi così utilizzata, cioè noi siamo oggi considerati il Paese della pasta, ma in realtà la pasta non era così utilizzata. Nel 1760/80 e 90 iniziano ad aumentare, diciamo in modo ... non dico esponenziale, ma almeno considerevolmente intorno al 1820.
E allora eccola entrare a buon diritto nel menù risorgimentale, almeno nella forma, alla maniera dello Chef Nicola.
A me piace giocare e scherzare e la cucina alla fine è così, abbiamo fatto dei maccheroni che poi non sono proprio dei maccheroni, ma dei cannelloni di ananas con una bagna al rhum; un ripieno che sarà una spuma di Salva Cremasco D.O.P. abbinato con un finto pomodoro di lamponi, con una piccola sorpresa.
E come sorpresa finale una fetta di panettone realizzato dello chef per un gradito anticipo delle feste.
Lapo de Carlo, volto ormai noto tra i banchi della “Casa di Alti Formaggi”, insieme a Nicola Locatelli, chef e patron del ristorante OPERA di Sorisole (Bergamo), ci accompagneranno in una rivisitazione dei piatti di oltre due secoli fa, in un viaggio di racconti e di piatti speciali in cui scopriremo il modo di cucinare nel Risorgimento.

 
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
La cucina nel Risorgimento, con Lapo De Carlo
Condividi su: facebook share twitter share google+ share pinterest share

I nostri formaggi D.O.P.

Il Taleggio Il Taleggio

Un formaggio prodotto e stagionato in Lombardia di origini antiche; un formaggio naturale e vivo la cui maturazione infatti prosegue fino a quando viene consumato. Il Taleggio è un ottimo ingrediente per farciture e risotti appetitosi!

Il Provolone Valpadana Il Provolone Valpadana

Un formaggio originale nel sapore e nella forma ottimo per l'utilizzo in cucina. Il Provolone Valpadana si distingue dalle altre paste filate per le grandi dimensioni e in quanto è capace di stagionare a lungo senza asciugarsi troppo mantenendo così una propria morbidezza

Il Salva Cremasco Il Salva Cremasco

Un formaggio molle da tavola prodotto esclusivamente con latte di vacca intero e si distingue per il suo sapore aromatico e intenso frutto della tradizione

I nostri Amici

Nicola Locatelli – chef
Nicola Locatelli – chef

Chef ambizioso con un’innata follia per la cucina, porta avanti il suo progetto di cucina nel suo locale, Opera Restaurant, abbattendo le frontiere di un menù classico tra antipasti, primi e secondi, dando piena libertà al cliente di scegliere ciò che è meglio

Lapo De Carlo - Giornalista
Lapo De Carlo - Giornalista

Giornalista e conduttore radiofonico, tra i suoi tanti progetti Lapo de Carlo ha collaborato con la Mondadori scrivendo per le riviste Cosmopolitan e Donna Moderna.

Omeganet - Internet Partner